Blog Archives

Come Creare l’Effetto Fumo

Posted on by

Quante volte, nei film, abbiamo visto pazzeschi effetti di fumo, sembranti così reali? Nel mondo dello spettacolo è largamente impiegato per produrre un vapore inodore, molto simile al fumo, non fastidioso ed a scopo scenografico, ma noi riusciremo a crearlo a casa con semplicemente due ingredienti.

Come prima cosa riempiamo d’acqua calda un contenitore o una vasca da bagno. Ricordiamoci di non riempirla del tutto e lasciare una certa distanza dal bordo in modo tale che l’acqua non fuoriesca. Asciugate i bordi della vasca con uno straccio in caso si siano bagnati. Aspettate che l’acqua diventi bollente, non deve essere né tiepida né calda. Riempita la vasca aprite la finestra e potete eseguire il secondo passaggio dell’esperimento.

Adesso riempiremo una ciotola con 1Kg di ghiaccio secco , o se abbiamo riempito la vasca ne metteremo 6Kg in un secchio. Ora verseremo il tutto all’interno della vasca ed ecco che si formerà il fumo che si espanderà dal pavimento in tutta la vostra casa. Ricordatevi di aprire le finestre in modo che entri anche un po di aria e che il fumo non persista. Il fumo si espanderà velocemente come nei classici film di orrore o spaziali.

Per finire facciamo scendere l’acqua della vasca e aspettiamo che il fumo svanisca. Questa reazione avviene poichè Il ghiaccio secco è anidride carbonica (CO2) allo stato solido, si ottiene quando la temperatura raggiunge i -78 °C, e quando esso tocca l’acqua calda sprigiona questi fumi che ci fanno pensare ai tanti film visti alla tv ma non è altro che semplice vapore acqueo. Ricordatevi sempre di lasciar aperte le finestre.

Category: Guide

Come Costruire una Prolunga Elettrica

Posted on by

Quante volte vi è capitato di aver bisogno di una prolunga elettrica e non aver tempo di comprarne una? Questa guida insegna come costruirne una magari risparmiando anche qualche euro; infatti con 5 euro avremo una prolunga della lunghezza che vogliamo.

Occorrente
Presa maschio
Presa Femmina
Cavo elettrico

Il primo passo da fare è andare da un buon ferramenta e comprare una presa con attacco maschio, una con attacco femmina e acquistiamo il cavo in base alla lunghezza che vogliamo (facciamo molta attenzione durante l’acquisto a chiedere il cavo con la massa e le prese con i relativi spinotti che possono ospitare la massa).

Torniamo a casa e soddisfatti per il nostro acquisto iniziamo con il montaggio della prolunga. Prendiamo un paio di forbici e iniziamo a spellare la parte più grossa del filo, vedremo all’interno altri tre fili e dobbiamo spellare anche questi facendo molta attenzione a non tagliare il rame interno. Ripetiamo l’operazione anche con l’altro capo del cavo.

Prendiamo la presa maschio (quella con i contatti esterni visibili), apriamola togliendo la vite, allentiamo i morsetti dei contatti e inseriamo i cavetti del filo (facendo molta attenzione a mettere il cavetto di colore giallo/blu al centro). Stringiamo il tutto, chiudiamo la presa e ripetiamo l’operazione con la presa femmina. Finalmente avremo la nostra nuova e fiammante prolunga.

Category: Guide

Come Creare l’Effetto Finto Legno

Posted on by

Vernice in due toni di colore, un pennello e un piccolo arnese speciale sono tutto ciò che serve per creare l’effetto della venatura del legno. L’arnese speciale è formato da un manico di plastica attaccato a una base incurvata e dentellata. Quando lo strumento viene trascinato sullo strato di vernice fresca, produce il disegno della venatura.

Stendete una o due mani del colore di base sulla superficie da decorare, e lasciate asciugare. Quando il fondo è ben asciutto, stendete uno spesso strato del secondo colore. Se la superficie è ampia, aggiungete alla vernice dello smalto trasparente, per rallentare l’essiccamento e procedere come segue.

Appoggiate lo strumento per creare la venatura sullo strato di vernice fresca e trascinatelo, inclinandolo ogni tanto su un lato o sull’altro. Questo movimento produce l’effetto dei nodi del legno. Lavorate su fasce verticali fino a completare il disegno su tutta la superficie. Fate in modo che i nodi siano disposti in modo naturale.

Usate due tinte vivaci e contrastanti per ottenere un effetto insolito; oppure, due toni di marrone per un effetto realistico. Questo metodo, per realizzare l’effetto finto legno è, un bel trucco per trasformare una superficie di truciolare o di laminato in legno massiccio! Provate a usare anche colori vivaci.

Category: Guide

Come Costruire una Pila Elettrica

Posted on by

Una pila è costituita da un catodo (un polo positivo), un anodo (un polo negativo) e da un elettrolite (la parte chimica che sta in mezzo). Ci sono molti modi di combinare questi tre elementi e produrre elettricità, noi la realizzeremo utilizzando delle semplici monete che diventeranno il nostro anodo, assieme alla stagnola, che diventerà il nostro catodo.

Occorrente
10 monete da un euro
Carta stagnola
Carta assorbente
2 pezzi di filo di rame
Aceto di malto
Sale
Vaschetta
Nastro adesivo

Ritaglia la stagnola e la carta assorbente in piccoli dischi di diametro leggermente maggiore di quello delle monete, in modo che possano essere impilati uno sopra all’altro. La carta assorbente che ha anche lo scopo di evitare che le parti in metallo facciano contatto tra di loro, va impregnata di aceto.

Mescola allora l’aceto con un poco di sale nella vaschetta. L’aceto è composto da acido acetico, e tutti gli acidi possono essere usati come elettroliti. L’acido solforico, che si trova nelle batterie delle automobili, è troppo pericoloso: può bucare i vestiti ed ustionare la pelle, al contrario dell’aceto, che al massimo non farà avere un buon odore alle mani. Il sale comune ha il nome chimico di cloruro di sodio, una combinazione di ioni positivi e negativi (Na e Cl-), che si separano nell’elettrolite, aumentandone la potenza.

Imbevi i dischi di carta assorbente nell’elettrolite arricchito di ioni. Con il nastro adesivo attacca un capo del filo di rame, a cui avrai opportunamente tolto la guaina isolante, a uno dei dischi di stagnola: questo sarà il tuo polo negativo. Ora impila tutto in quest’ordine: stagnola, carta assorbente, moneta, stagnola, carta assorbente, moneta. Ogni gruppo di tre è in realtà una piccola batteria, ma per ottenere abbastanza energia da poter accendere anche solo la lucina del LED devi raggrupparne un certo numero (Come regola generale tieni presente che più è grande la batteria maggiore è la potenza che può erogare).

Tutti gli ioni positivi cominciano a muoversi verso un polo mentre tutti i poli negativi andranno verso l’altro…la batteria si sta caricando! Quando avrai impilato un pò di elementi (da qui il termine “pila”) puoi attaccare il secondo filo di rame alla moneta più alta: questo sarà il tuo polo positivo. Collegando i due fili ai piedini del LED lo accenderai, e con un pò di prove potrai accendere anche una piccola lampadina.

Category: Guide

Come Preparare Polpette di Melanzane

Posted on by

Ecco un’idea sfiziosa per cucinare le melanzane in maniera gustosa, insolita e soprattutto leggera.

Prendete un paio di grosse melanzane, sbucciatele, lavatele e tagliatele in grossi pezzi che metterete a sbollentare in acqua salata per circa dieci minuti, fino a che non si saranno ammorbidite.

Togliete le melanzane dall’acqua bollente, strizzatele e riponetele in una ciotola. Utilizzando un frullatore ad immersione, riducetele in crema.

Aggiungete alla crema di melanzane, un paio di spicchi d’aglio, tre acciughe sotto olio e una manciata di basilico, il tutto tritato il più finemente possibile. Aggiungete anche tre o quattro belle manciate di pecorino grattugiato e amalgamate il tutto.

Aggiungete due uova e qualche cucchiaio di pane grattugiato, quanto basta per rendere l’impasto compatto. A questo punto, formate delle polpettine che mettere su un foglio di carta forno.

A filo, versate dell’olio sopra le polpette, senza eccedere. Io non aggiungo sale, gli ingredienti sono già piuttosto saporiti.
Cuocere in forno per circa trenta minuti a 180 gradi.

Se si dispone di uno strumento come lo scaldavivande elettrico, le polpette possono essere portate al lavoro e consumate in pausa pranzo.

Category: Guide