Come Ridurre le Dimensioni di una Presentazione Powerpoint

Spesso le presentazioni powerpoint contengono molte immagini, che riescono a spiegare meglio di qualsiasi parola concetti complessi. Purtroppo però, le immagini appesantiscono molto le dimensioni del file. Vediamo come possiamo rimediare al problema con pochi piccoli passi, che ci permetteranno di inviare il file anche come allegato email.

Perchè questa guida possa portare al risultato sperato, dobbiamo avere un file PowerPoint di grandi dimensioni con almeno un’immagine pesante o anche con molte immagini di piccole dimensioni. Se non siete in queste condizioni, probabilmente il vostro file PowerPoint è appesantito da qualche altro allegato e quindi questa guida non sarà di utile per risolvere il problema. Se siete nella condizione descritta sopra, il primo passo dobbiamo aprire il file in PowerPoint, avendo precedentemente memorizzato la size in MB del file in questione.

Come secondo passo dobbiamo selezionare una qualsiasi delle immagini del documento. A questo punto semplicemente effettuando un doppio clic sulla immagine possiamo entrare nella priorità dell’immagine. Avremo vari tab disponibile automaticamente verremo portati nel tab “immagini” e dovremmo vedere in basso a sinistra il bottone comprimi. Cliccando su questo bottone si aprirà un nuova finestra che ci permetterà di scegliere il tipo di compressione da effettuare.

Siamo arrivati nella schermata fondamentale, qui sarà molto importante selezionare l’opzione “applica a tutte le immagini del documento”. Questa opzione infatti ci permetterà di comprimere tutte le immagini del documento in un solo passaggio. A questo punto dobbiamo selezionare il tipo di risoluzione che vogliamo dare alle nostre immagini, la prima opzione “Web\Schermo” è quella che applicherà la maggiore compressione delle immagini e ci farà risparmiare il maggior numero di MB.

Adesso semplicemente confermando con ok, possiamo comprimere tutte le immagini del documento e in questo modo ridurre notevolmente le dimensioni del file. Una volta usciti delle proprietà dell’immagine con una nuova conferma, non rimare che salvare il documento e poi andare a vedere tramite risorse del computer quanti MB siamo riusciti a risparmiare comprimendo le immagini del nostro documento. Questo tipo di compressione non avrà alcun effetto sul risultato della vostra presentazione, perchè le immagini saranno ottimizzate per la visualizzazione a schermo o proiettore.

Category: Tecnologia

Come Riparare una Cornice

Tra gli oggetti decorativi di casa nostra che possono richiedere spesso delle lavorazioni di manutenzione, vi sono le cornici. Esse non solo possono essere ricostruite dove mancano dei pezzi, ma possono anche essere ridotte di dimensioni a piacimento e in base alle esigenze. Con questa guida potrai imparare ad eseguire queste operazioni.

Occorrente
Cavachiodi
Sega
Colla vinilica
Scalpello o cacciavite
Morsetti
Plastilina
Stucco liquido
Saponaria o talco
Carta vetrata sottile
Pinzetta
Nastro adesivo

Per quanto riguarda la riduzione delle dimensioni della cornice, la prima operazione che dovrai fare consiste nello smontare la cornice in tutte le sue parti. Quindi, con il cavachiodi, togli appunto i chiodi negli angoli e, con l’aiuto di uno scalpello o di un cacciavite, fai leva, fino ad aprirli in modo da ottenere le quattro aste separate.

Come Restaurare Una Cornice Di Fine Ottocento
A questo punto, dovrai procedere a tagliare le aste nuove del quadro nella misura che desideri, ricordandoti di fare le diagonali alle estremità. Una volta fatto, incolla gli angoli con della colla vinilica e assemblali mediante l’uso di morsetti. Ora lascia in posa per almeno ventiquattro ore. Dopo aver verificato che la cornice è ben incollata, togli i morsetti.

Per quanto riguarda la ricostruzione delle parti mancanti, dovrai, innanzitutto, prendere una piccola quantità di plastilina e liscia bene la superficie, spolverandola con un po di saponaria o talco, in modo che non si attacchi al modello. A questo punto, adagiala su una parte uguale a quella mancante e, premendo, prendi il calco. Versa poi all’interno del calco uno stucco liquido formato da scagliola o stucco sciolto in acqua, quindi distribuiscilo uniformemente.

Ora, quando lo stucco è quasi completamente asciutto, apri con leggera pressione la plastilina, estrai il calco con una pinzetta e lascialo asciugare bene. Ora con la carta vetrata sottile rifinisci il calco ottenuto e, dopo aver steso la colla vinilica sulla parte mancante, adagialo fissandolo con del nastro adesivo. Infine lascia in posa per ventiquattro ore.

Category: Fai da Te

Come Ridurre le Dimensioni di una Foto

Spesso e volentieri vi sarà capitato di avere una foto o un’immagine troppo grande o troppo pesante da dover caricare su qualche sito (come Facebook) e non riuscirci o impiegarci tanto tempo con strani metodi. In pochi sanno però che basta un programmino che tutti hanno sul computer: Paint.

Paint è un vecchio programma della Microsoft installato su tutti i computer. Questo programma dispone di alcune funzionalità che conoscono in pochi, come in questo caso quello di ridurre le dimensioni dell’immagine scelta senza ricorrere a programmi troppo complessi, come Photoshop e simili. Il primo passo da fare è caricare la foto su Paint e aprire la voce di menù “immagine”.

Dal menu selezionare “attributi”. La finestra che si aprirà dopo il click ci consente di specificare i valori di larghezza e altezza dell’intero riquadro. Non si tratta in questo caso di un ridimensionamento vero e proprio, ma della gestione dell’area di lavoro. Potremo così tagliare eventuali bordi inutili: se abbiamo un’immagine di 800 px di larghezza ed impostiamo nel campo attributi un valore di 600px, l’immagine verrà tagliata. Ovviamente sono disponibili tre unità di misura differenti: Pollici, Cm e Pixel.

Un secondo modo è quello di selezionare la voce “ridimensiona/inclina”. Si tratta dello strumento che ci permette di ridimensionare la foto, ingrandendola o rimpicciolendola di un fattore percentuale compreso tra 1 e 500. Naturalmente, i valori da 1 e 99 rimpiccioliranno l’immagine, mentre quelli maggiori di 100 ingrandiranno l’immagine. Tutto quello che dobbiamo fare, insomma, è inserire un semplice numeretto.

Category: Uncategorized

Come Ridurre le Dimensioni di un File Video

Con la nuova tecnologia digitale girare dei video è diventato un hobby alla portata di tutti ma il più delle volte la sua dimensione rende difficile poterlo condividere con amici. Di seguito un semplice tutorial che aiuta a ridurre la dimensione e il peso di un file video.

Grazie al programma AVS Video Converter è possibile diminuire la dimensione di tutti i file video di qualsiasi formato memorizzati sul disco rigido. La prima cosa da fare è scaricare ed installare AVS VideoConverter e installarlo seguendo le istruzioni dell’installazione guidata. Installato il programma non ci resta che avviarlo. Nella schermata principale bisogna scegliere il formato in cui si vuole convertire il video cliccando su una delle icone in alto; le scelte sono davvero tante avi, mpeg, wmv, dvd e blu-ray.

Fatto questo clicca sul tasto Sfoglia posto al fianco della finestra chiamata File di Ingresso e dalla schermata che compare selezionare il file che vuoi analizzare e convertire. Il prossimo step è controllare i parametri di ingresso e di uscita e per fare questo clicca sul pulsante Avanzato, così facendo si aprirà la schermata che contiene le opzioni avanzate dei parametri del file.

In questa finestra clicca su Info File e confronta le proprietà dei parametri di ingresso e quelli di uscita facendo attenzione che dimensione, altezza e larghezza dell’immagine video, frequenza di campionamento e aspetto siano gli stessi.Nel caso in cui i valori nella colonna File di uscita differiscono da quelli del File di ingresso clicca sul pulsante Modifica Profilo per aprire la finestra Modificatore del profilo ed effettuare tutti i cambiamenti necessari. Alla fine clicca su OK per applicare le modifiche.

A questo punto puoi ridurre la dimensione del video mantenendo il suo formato. Per fare questo clicca sul pulsante Modifica Profilo e nella schermata che compare imposta il valore Bitrate più basso nella sezione Codec Video e Codec Audio alla fine clicca su OK per confermare le modifiche.Non ti resta che specificare la directory in cui salvare il file di uscita

Clicca sul pulsante Sfoglia per scegliere la cartella in cui salvare il video ridimensionato, clicca sul pulsante Convertire per dare inizio al processo di riduzione.Non ti resta che aspettare. Il tempo che il programma impiega per ridurre il file dipende dal peso, dalla dimensione di file di ingresso, dal suo formato e dai parametri applicati. Alla fine ti ritroverai il file video più leggero e pronto ad essere condiviso.

Category: Tecnologia

Come Arredare Salotto di Casa

Il soggiorno si può arredare in molti modi, a seconda del gusto e dello stile preferito da ognuno. Bisogna però fare i conti con lo spazio a disposizione, per sfruttarlo al meglio e per far sì che il vostro salotto abbia tutto ciò di cui avete bisogno nel limite dello spazio che si possiede. Leggi la guida per conoscerne caratteristiche, tipologie, e come scegliere i migliori stili d’arredo per il salotto di casa in base a criteri di qualità, prezzo, offerte e corretta informazione per il consumatore.

Chi ha a disposizione un ampio salotto, anche diviso in più ambienti separati idealmente da uno scalino o dall’arco a muro, può spaziare all’interno di una varia scelta e tra diverse tipologie d’arredo. Accanto al divano sarà infatti possibile posizionare una o più poltrone, mentre il tavolo da pranzo potrà essere collocato in un’altra zona del salotto, dividendo così l’area lounge da quella del tempo libero.

Per quanto riguarda i mobili, se lo spazio è ampio, potete collocare in salotto una libreria di grande dimensioni, o più d’una di dimensioni modeste, dei mobili d’appoggio, sopra i quali adagiare impianto stereo o tv, e una poltrona particolare, come queste poltrone massaggianti segnalate da Luca Barba.
Se invece il salotto è di modeste dimensioni va valorizzato al meglio, cercando di sfruttare lo spazio a disposizione e facendo in modo di renderlo funzionale e pratico.

Per fare questo è necessario affidarsi soprattutto a mobili componibili e multifunzione che vi aiuteranno così a salvare spazio. In commercio esistono complementi d’arredo pensati e progettati per arredare anche gli spazi più piccoli. I più comuni sono i tavoli da pranzo che all’occorrenza si aprono moltiplicando lo spazio a disposizione, i divani reclinabili e componibili e i complementi d’arredo modulari.

Category: Guide